• Le tecnologie per ottimizzare i trasporti

    La logistica è per Globalpesca un’attività fondamentale da cui dipende il livello di servizio offerto ai clienti, variegati e con esigenze molto personalizzate in termini di orari e modalità di consegna. In controtendenza rispetto a molti altri concorrenti, ha deciso di presidiare direttamente tutte le attività logistiche, dirottando al potenziamento di questo settore importanti e costanti investimenti.
    Andrea Quara, Responsabile Operativo presso Globalpesca S.p.A.: “Nel 2014 è stato inaugurato il primo magazzino automatizzato SMARTER #1 con il quale sono stati evasi fino a 9.000 colli giornalieri. Nel 2018 è stato attivato SMARTER #2: integrato e interconnesso al sistema aziendale, gestisce fino a 18.000 colli giornalieri. A seguito del notevole aumento del numero dei clienti e consegne giornaliere, sono nate le necessità di ottimizzare il servizio di trasporto, garantendo un elevato livello di servizio ai clienti.

  • Per sfruttare a pieno le potenzialità del magazzino automatico, abbiamo deciso di spostare più in là possibile il cut-off degli ordini. Noi abbiamo circa 40 agenti sul territorio che mandano ordini direttamente al nostro sistema informatico, praticamente senza più vincoli di orario: in determinate zone gli ordini vengono presi anche di notte e lavorati in tempo reale. La merce è gestita con la completa garanzia del mantenimento della catena del freddo, dal suo arrivo ai magazzini di Gravellona Toce, fino allo scarico nelle cucine dei clienti. La gestione del processo logistico in Globalpesca si traduce in una ricerca continua e quotidiana dell’assetto migliore e più efficiente per risolvere una complessità che può variare in base a fattori diversi, quali, per esempio, la saturazione di un giro di consegna, la stagionalità o le particolari richieste spot che arrivano dai clienti.”’

  • PTV Route Optimiser: uno strumento di miglioramento continuo
    • Continua Andrea Quara: “In tutto questo processo, PTV Route Optimiser è stato inserito come strumento di miglioramento continuo del servizio ai clienti, per ottimizzare il trasporto e tenere sotto controllo i costi. Il progetto con PTV si è articolato in diverse fasi: innanzi tutto sono state raccolte le informazioni necessarie ad alimentare il software. Abbiamo contattato tutti i nostri clienti, chiedendo loro quali fossero le esigenze relative agli ordini, sia in termini di orari sia di modalità di consegna della merce. Capita molto spesso, nel nostro lavoro, che i clienti abbiamo richieste molto particolari.
      Una volta raccolte, tutte queste informazioni sono state inserite in PTV Route Optimiser e facendo il confronto con la base giri che facevamo, abbiamo voluto vedere che cosa ci proponeva il programma. In sostanza siamo partiti con una programmazione strategica: siamo andati a vedere come, storicamente, erano state divise le zone di vendita e se questa suddivisione era la migliore. I margini di miglioramento sono stati molteplici e, una volta risistemate le zone, siamo partiti con la programmazione delle consegne vera e propria.“

  • I margini di miglioramento
    • Andrea Quara: “Una cosa alla quale tenevamo molto era dare una programmazione ottimizzata agli autisti e, in parallelo, fornire informazioni sulla consegna ai clienti. Quindi in una prima fase abbiamo creato, attraverso PTV Route Optimiser, una mailing list che utilizziamo tutte le sere per inviare agli autisti l’elenco delle consegne ai clienti. In una fase successiva, è prevista l’integrazione per comunicare direttamente al cliente, in tempo reale, dove si trova il camion e se è previsto un ritardo sulla consegna.
      PTV Route Optimiser è stato integrato anche con gli altri strumenti digitali che noi utilizzavamo: è stato collegato al satellitare dei camion, è stato collegato al palmare dell’autista… quindi tutte le informazioni collezionate nel sistema PTV sono condivise. Una cosa per noi fondamentale è che grazie a PTV Route Optimiser riusciamo ad avere un maggior controllo sul lavoro dell’autista e, soprattutto, riusciamo a mandare autisti nuovi in qualsiasi zona.
      Durante il lavoro di inserimento dati in PTV Route Optimiser, infatti, abbiamo gestito anche un perfezionamento della geolocalizzazione del cliente, attraverso il satellitare a bordo mezzo. Quindi abbiamo individuato e trasferito nel sistema l’esatto punto di scarico per ogni cliente: per noi il punto di scarico non è la sede del cliente, ma potrebbe essere, ad esempio, un parcheggio vicino, per via di una ZTL dove non si può entrare con il camion…
      La sera, una volta calcolati e ottimizzati tutti i giri di consegna, questi vengono passati sui terminali degli autisti. La mattina l’autista accende il suo terminale e si trova praticamente il giro già fatto. Attraverso il terminale poi l’austista conferma l’orario di arrivo presso il cliente e segnala l’orario di ripartenza.
      Un’altra cosa importante è il calcolo del tempo di scarico. Il nostro tempo di scarico, standard per tutti i clienti, è stato inserito in PTV Route Optimiser. In più, per i clienti che hanno uno scarico più lungo o altre peculiarità, il sistema PTV ci ha dato la possibilità di inserire un tempo personalizzato. In questo modo riusciamo ad avare una programmazione sempre più reale e vicina all’effettivo tempo impiegato dall’autista.“

  • L'ottimizzazione dinamica dei viaggi
    • Andrea Quara: “L’ultima fase del progetto ha riguardato la revisione del criterio di pianificazione delle consegne: inizialmente Global Pesca effettuava una pianificazione basata su zone prestabilite. In questa logica “il prodotto ordinato oggi deve essere in dispensa domani”: quindi un venditore prendeva gli ordini per una zona specifica, per i diversi giorni della settimana, e si andava tipicamente in consegna il giorno dopo con il veicolo. Con l’automazione e la tecnologia si è avuto un cambio radicale nel modo di ragionare e di lavorare.
      Ormai Global Pesca si è spostata verso un’ottimizzazione dinamica dei viaggi. Grazie all’integrazione tra PTV Route Optimiser e il sistema a bordo mezzo, è stato possibile fare ogni giorno un utilizzo più spinto della flotta: ora gli autisti si spingono anche in zone dove tipicamente prima non si muovevano con un impatto estremamente positivo sull’efficienza dei trasporti. Il lavoro di tutti è ora molto più qualificante, oltre ad avere a livello aziendale, una generale ottimizzazione dei processi interni.”

  • Hai domande?

    Non esitare a scriverci o a chiamarci per saperne di più sul software di ottimizzazione dei trasporti e dei giri di consegna.

    INVIACI IL TUO MESSAGGIO